Essere introversi è un bene per la comunicazione

Adrienne Erin sfata vecchi miti: i comunicatori non devono essere per forza estroversi!

introvert-300x210

Chi ha detto che per fare pubbliche relazioni bisogna essere estroversi? Questa la domanda cui Adrienne Erin, in un articolo recentemente pubblicato su Muck Rack, cerca di dare risposta. La Erin giunge a cinque “doni degli introversi” che renderebbero queste persone degli ottimi soggetti per lavori di questo tipo. Dalla capacità di concentrarsi sui significati più profondi, alla bravura nel comunicare per iscritto, gli introversi sembrerebbero essere, potenzialmente, dei bravi comunicatori.

Abbiamo tradotto per voi l’articolo di Adrienne Erin (qui di seguito).

Il Pr introverso: come fare pubbliche relazioni se sei timido

Da quando l’indicatore Myers-Briggs è diventato un metodo conosciuto per determinare lo stile di vita di un individuo, le classificazioni di “introverso” ed “estroverso” sono diventate popolari.

Nell’immediato, molti presumono che essere introversi significhi che si odia fare conversazione o si detesti fare telefonate; tuttavia, questo non fornisce un’ immagine esatta di un individuo introverso. Il vero introverso ha numerose qualità che lo/la rendono ideale per un lavoro nelle pubbliche relazioni. Di fatto, gli introversi possono essere eccellenti Pr, semplicemente hanno bisogno di capire come far funzionare le loro qualità innate.

Se siete preoccupati che la vostra timidezza possa essere un ostacolo per lo sviluppo della vostra carriera nelle pubbliche relazioni, ripensateci.

Qui sotto ci sono alcuni tratti distintivi che gli introversi possono certamente usare a loro favore nelle pubbliche relazioni o in qualsiasi altro percorso che spesso è dominato da uomini e donne estroverse.

 Dono degli introversi #1: la loro attenzione è focalizzata sui significati più profondi.

L’introverso è un pensatore per natura. Lui o lei non solo vede il mondo ma lo vede a svariati livelli. Sbucciare gli strati della proverbiale cipolla è parte integrante della vita di un introverso. Piuttosto che valutare qualcosa rimanendo sulla superficie, loro scavano più a fondo. Nessuna sorpresa che le loro capacità giornalistiche siano di primo livello! Nelle pubbliche relazioni possono usare questo desiderio di voler conoscere la verità su qualcosa in ogni circostanza per adeguare storie che potrebbero sinceramente interessare a pubblicazioni, siti web e periodici; dopo tutto, quelle storie sono state progettate attentamente per dare spessore piuttosto che per essere “pezzi leggeri”.

Dono degli introversi #2: tendono ad essere sensibili ai bisogni degli altri.

Una delle più grandi rimostranze nei confronti del personale delle pubbliche relazioni è che è troppo insistente e non sembra conoscere quando fermarsi. Questo potrebbe essere vero per gli esperti Pr estroversi ma lo è raramente per quelli introversi. Quest’ultimi sono sensibili alle esigenze di tempo dei loro “bersagli” e usano questa sensibilità a loro favore. Per esempio, non presumono automaticamente che la persona che sta collaborando abbia tutto il tempo del mondo, tendendo, di conseguenza, ad essere stringati e rispettosi. Qualche volta questo può essere un cambiamento piacevole e potrebbe far ottenere un comunicato stampa o una storia da un giornalista o da un editore che si sente apprezzato e non abusato.

Dono degli introversi #3: si interessano davvero ai loro soggetti.

Quando un Pr introverso si appassiona ad una storia, lui o lei non tralascia nulla sulla materia in questione. Questo renderà più semplice tirare su la cornetta del telefono e fare una chiamata!. Gli introversi hanno questa capacità di connettersi al cliente a livello personale. Quando si viene a creare questo tipo di connessione sensibile, non c’è nulla che possa fermare un introverso determinato! Lui o lei potrebbero non amare fare una chiamata blanda o grintosa a un contatto in prospettiva di una pubblicazione ma la determinazione a mandare in stampa una storia, specialmente una che possa salvare vite o specie in pericolo di estinzione, permetterà di superare qualsiasi cautela.

Dono degli introversi #4: possono essere eccezionali nelle comunicazioni scritte.

Anche se stare al telefono giocherà sempre un ruolo nel lavoro di un Pr professionale, l’introverso può usare il tempo a proprio favore e iniziare a fare incursioni attraverso altri, preferibili, mezzi di comunicazione. Per esempio, lui o lei possono iniziare a coltivare relazioni con eventuali clienti attraverso l’e-mail, i social media e altri mezzi scritti. Con un po’ di preveggenza, questo può essere un grandissimo vantaggio per il futuro. Una volta che è stato creato il contatto, le collaborazioni future saranno più semplici e più facili da accettare. Per essere chiari, questo metodo non è infallibile, né garantisce una risposta, ma è un buon modo per entrare in contatto con un editore, ben più che con un discorso.

Dono degli introversi #5: spesso fanno eccellenti discorsi pubblici.

Volete sorprendere i vostri colleghi più estroversi? Parlate di fronte a molte centinaia di persone senza perdere un colpo! Gli introversi che hanno qualcosa da dire possono imparare a parlare in pubblico con efficacia. Solo, non chiedetegli dopo di socializzare : a loro non dispiace fornire informazioni ma preferirebbero eliminare le piccole conversazioni. Tra i molti famosi introversi che regolarmente parlano in pubblico troviamo Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook, e Warren Buffet. Questo prova che il successo non arriva solo per coloro i quali ottengono punteggi elevati come estroversi!

Non nascondetevi dietro la timidezza, abbracciatela!

Come qualunque introverso nell’arena delle pubbliche relazioni, dovete abbracciare i vostri talenti. Non dimenticate che potete apprendere capacità che non vi vengono spontanee. Siate pazienti: non adorerete mai fare dozzine di chiamate dell’ultimo minuto ma potrete superare la cosa se terrete a mente i vostri obiettivi.

Potete leggere in lingua originale l’articolo di Adrienne Erin su Muck Rack-Daily qui:

http://muckrack.com/daily/2014/10/07/the-pr-introvert-how-to-make-pr-work-for-you-when-youre-shy/